Pruno o prugnolo

Famiglia: Rosacee

Genere: Prunus

Specie: spinosa

Distribuzione e habitat: E' diffuso in tutte le regioni europee a clima temperato, in Nord Africa e si Ŕ naturalizzato nel continente americano. In Italia Ŕ comune lungo le siepi, tra le macchie, nelle boscaglie e ai bordi dei campi dove forma macchie spinose impenetrabili. Cresce sui pendii soleggiati e ai margini dei sentieri delle regioni montuose di tutta Europa e nei boschi fino a 1500 m.

Caratteristiche: Il PRUGNOLO o SUSINO SELVATICO Ŕ un grande arbusto spinoso a carattere cespuglioso, alto 1-4 metri con chioma densa, ramificata con rami nodulosi cosparsi di spine dure. La corteccia Ŕ color grigio scuro e ricca di spine legnose. Forma a volte macchie impenetrabili che sono importanti per la nidificazione di molti uccelli tra cui l'Averla che infilza le sue piccole prede nelle spine del prugnolo. E' una delle prime piante a fiorire con nuvole di piccoli fiori bianchi (spesso confuso con il biancospino). Si diffonde con propaggini (polloni) direttamente dalle radici della pianta madre e per mezzo di uccelli di media taglia (cesena, tortora e fagiano) e piccoli mammiferi. Il legno Ŕ coriaceo ed elastico, di colore ocra; sul tronco e sui rami, sono uniformemente diffuse delle propaggini appuntite alte fino a 5 cm. Fiorisce da Marzo ad Aprile.

Utilizzo da parte dell'uomo: Essendo uno dei primi arbusti a fiorire, viene spesso piantato per il suo pregio ornamentale nei giardini. Le siepi di Prugnolo venivano usate un tempo per dividere le proprietÓ. Le fronde venivano usate come foraggio per i conigli, il legno duro e resistente, viene usato nella costruzione di attrezzi agricoli, bastoni da passeggio e per gli intarsi. I fiori vanno raccolti maturi in tardo autunno prima che si schiudano le foglie in primavera. La corteccia si stacca dai rami pi¨ giovani in autunno e nello stesso periodo si raccolgono i frutti. La corteccia si essicca al sole, le foglie si utilizzano solo fresche, i fiori si essiccano all'ombra e si conservano in sacchetti, i frutti si raccolgono ancora acerbi e si essiccano in forno. L'infuso si utilizza per fare gargarismi e sciacqui nel caso di gengiviti, piorrea, stomatiti e mal di gola.

ATTENZIONE: Corteccia, foglie e soprattutto fiori producono una sostanza che origina acido cianidrico, per cui il loro uso deve essere limitato sempre alle dosi prescritte da ricetta medica. Le mandorle dei noccioli delle prugnole, come quelle di molti altri frutti della famiglia delle Rosacee, contengono acido cianidrico, che Ŕ un potente tossico e quindi non si devono mangiare, nÚ schiacciare. Anche la corteccia dei rami e della radice contiene acido cianidrico o prussico e, anche se alcuni la consigliano come astringente, va decisamente evitata.